Sulla natura

Non so se le piante o il cielo mi guardino,
né se abbiano una loro visione,
poiché tendiamo ad imprimere la nostra.
Se così non fosse, vedremmo il nulla.

Non solo ciò che è animato soffre, ma tutto l'esistente:
la sofferenza è il distillato che precede la distruzione.
L'azione giusta non esiste, poiché tutte recano sofferenza.

Non ci resta che comunicare soggettivamente la bellezza
di ciò che mai potremo capire.
Le danze, le somiglianze, le emozioni, i ricordi, le sensazioni, riflesse nel nostro specchio-natura.

Francesco Golisciano

©

Unisciti ad altri 880 follower

2 pensieri riguardo “Sulla natura

  1. Non si vede solo con gli occhi, ci sono molti altri modi per accorgersi di qualcosa ed è proprio ciò che è in natura ad insegnarlo. Quel che lei scrive mi ricorda la dualità benthamiana del principio del piacere e del dolore che va ben al di là dell’antropocentrismo. Nel testo rintraccio un desiderio di comunicazione che non si arrende alla sofferenza. Mi permetta una piccola monelleria critica: ciò che più mi piace in esso è la strofa finale, quasi che le due che lo precedono fossero strumentali alla sua formulazione. Forse non è corretta questa conclusione, ma mi ha comunque fatto molto piacere leggere il suo testo

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: