Il progetto artistico ION, del duo Fortelli/Potito, partecipa con un’opera inedita alla mostra del piccolo formato (20×20 cm). Il tema scelto per questa edizione da Lineadarte Officina Creativa è “Bella Ciao”.

https://www.facebook.com/events/303627697810422?acontext=%7B%22event_action_history%22%3A[%7B%22extra_data%22%3A%22%22%2C%22mechanism%22%3A%22calendar_tab_event%22%2C%22surface%22%3A%22bookmark_calendar%22%7D%2C%7B%22extra_data%22%3A%22%22%2C%22mechanism%22%3A%22your_upcoming_events_unit%22%2C%22surface%22%3A%22bookmark%22%7D]%2C%22ref_notif_type%22%3Anull%7D

Il progetto artistico ION nasce su iniziativa dell’artista e scrittore partenopeo Stefano Fortelli nel gennaio del 2017. L’intuizione di Stefano è quella di raccontare la magia delle valvole termoioniche, inserendole in un contesto artistico che fonde fantasia, storie reali, temi universali ed emozioni interiori. Sin da subito Stefano coinvolge nel progetto l’amico di sempre Corrado Potito, i due decidono di identificarsi con lo pseudonimo artistico ION e si ingegnano per elaborare una forma espressiva dotata di uno stile unico e seducente, capace, proprio come le valvole, di sfidare il tempo e le mode. Ne escono fuori piccole installazioni, ambienti urbani, narrazioni minime e potenti. Il percorso artistico ION che può già vantare numerose esposizioni e riconoscimenti, sempre in evoluzione verso nuove forme espressive, tocca temi di enorme peso specifico e tecniche sempre più articolate che mescolano grafica, pittura, scultura e piccola ingegneria.

L’opera in mostra dal titolo ISTANTANEA

https://www.facebook.com/ION.Napoli

https://www.instagram.com/ion.napoli/

Pubblicato da Stefano Fortelli

Napoletano sui generis, animo mite ma ribelle, con il passare degli anni sviluppa una introversione e un isolamento che lo portano sempre più spesso a riflettere su temi universali quali il fluire del tempo e della vita, il rimpianto, la disillusione, la coscienza, l’incertezza e i tanti quesiti irrisolti che ci portiamo dentro. In tempi recenti (2014) comincia a utilizzare la penna per fissare su carta le sue meditazioni. Parallelamente partorisce una geniale idea artistica e coinvolgendo l'amico di una vita, Corrado, fonda un duo artistico che si firma con lo pseudonimo ION. Le sue riflessioni sempre più profonde e amare sul mondo che ci circonda e sulla caducità del tutto, lo portano a sviluppare sue visioni in merito tesi della "assenza del presente" e maturare l'idea di pubblicare una raccolta di poesie che sviluppi il tema dell'aldilà in senso più ampio. La silloge dal titolo "L'ultimo giorno (versi dell'aldilà)" vede così la luce sul finire del 2019. Sul finire del 2020 pubblica il suo secondo lavoro: una silloge in stile "dark poetry" dal titolo Il martello nella testa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: